Fenomenologia del pettorale:

Oggi mi interrogavo su una cosa, ovvero su quanti figoni esistessero su questa terra e la risposta è stata sorprendente: un numero illimitato.

Non li vediamo ma ci sono, più o meno come gli alieni, solo che in tal caso gradiremmo molto essere rapiti.
E allora cosa ho fatto io per voi? Ho stilato una lista corredata di immagini illustrative dei vari tipi di pettorali che esistono al mondo.
Perchè i pettorali?
Perchè da qualcosa dovrò pur cominciare! Questo non è che il primo tassello, infatti arriveremo certamente agli addominali e, se la cosa risulterà gradita, anche ai glutei e alla schiena.
Questo è un vademecum dei pettorali che si dicono tali per, a mio gusto, riconoscerli e preferirne gli uni agli altri; ovviamente si può discutere del mio gusto.

Ma bando alle ciance: si parte!

Mmmmmmmm che gusto….e vabbè, dai, iniziamo con l’analisi minuziosa!
Tipo 1: normotrofico regolare simmetrico (o pettorale compatto).
Il primo tipo di pettorale (notare che le immagini sono numerate) è sodo, compatto, regolare, tondeggiante e tende, grazie alle sue medie dimensioni, a rimanere all’interno della zona delimitata dal torace.
E’ l’equivalente gay di un seno a coppa di champagne: perfetto nella sua sobrietà.
Tipo 2: ipotrofico irregolare minuto con tendenza introversa (o pettorale piccolo e interno).
Il secondo tipo di pettorale è piccolo e dà l’immagine di tendere non all’esterno ma all’interno della cassa toracica ed è irregolare proprio perchè introverso e tendenzialmente non sviluppatissimo nella parte alta, così da sembrare più corto.
Bhe, a me non piace, ma è sicuramente meglio di niente.
Tipo 3: ipotrofico irregolare corto con tendenza introversa e attaccatura diretta (o pettorale piccolo e corto)
Questo terzo tipo di pettorale tende all’interno non solo nella parte centrale ma anche nella parte esterna (vedi frecce) ed è denominato dall’attaccatura diretta perchè, poco sviluppato nella parte superiore, tende a sembrare un tutt’uno con le spalle, non facendo nessuna “collinetta” nella suddetta parte superiore.
Non è disastroso, ma neanche il massimo.
Tipo 4: ipotrofico assente (o finto pettorale).
E’ decisamente orrendo, è una presa per i fondelli poichè si spaccia per pettorale quando non è sviluppato in nessuna sua parte e in nessuna direzione.
Evitateli se potete, evitateli se volete.
Tipo 5: normotrofico regolare geometrico (o pettorale geometrico).
Questo pettorale è di una finezza assoluta, tende ad essere di forma rettangolare, ad essere normotrofico e asciutto, abbinandosi molto spesso ad un altrettanta definizione di addominali braccia e spalle.
Delizioso, da assaggiare!
Tipo 6: ipertrofico con tendenza al basso (o pettorale cadente).
Sebbene denominato come cadente, questo è un gran bel pettorale anche solo per il fatto che è ipertrofico, ovvero è bello grosso.
Cadente per il fatto che il muscolo tende ad avere una forma che sembra scendere verso il basso, dando questa impressione.
Non è il top della lista ma non lo eviterei affatto.
Tipo 7: ipertrofico esterno (o pettorale sporgente)
Qui cominciano i pezzi da novanta, ebbene sì.
Questo tipo di pettorale è uno dei miei preferiti in quanto è talmente ipertrofico, bello e sodo che la sua forma e la fortunata costituzione del figo acui appartiene gli permettono di essere esterno ovvero di sembrar sporgere dalla cassa toracica.
Non solo di sporgere all’esterno, come è ovvio, ma di sporgere a destra e a sinistra, cosa che mi fa ribollire il sangue nelle vene.
Io per un assaggio venderei il tutù!
Tipo 8: ipertrofico esterno maggiore (o pettorale enorme).
Questa è la variante suprema: è bello, è ipertrofico, è esterno, tende all’alto, tende a sporgere in tutte le direzioni ma soprattutto è enorme; ebbene sì, è enorme!!!
Io qui mi sciolgo, non ci sono parole che tengano.
Dormire con la testa appoggiata a pettorali simili equivale ad entrare in paradiso dalla porta principale!
Che ve ne pare?
Vi invito, oltre a spararmi i vostri pareri, a giocare con me al giochino “indovina di chi sono?”
Hehe, buon gioco a tutti.
E buona visione, ovviamente.
22 Commenti
  1. wowwww molto interessante!
    i miei preferiti sono quelli di tipo 1.
    Aspetto con ansia il post sui glutei, dai dai sorella vedi di farlo rapidamente, sono un grande amante dei bei culetti!
    Viso e culo sono la prima cosa che guarda in un ragazzo.

    chris

  2. NEAL VUOLE SUBITO UN POST SU QUELLI FEMMINILI, CARMEN RUSSO, SABRINA SALERNO, ZOBEIDE ED ALTRE.
    NON SEI AUTORIZZATA A METTERE LE MIE FOTO IN TOPLES, MI DISPIACE MA HO UNA DIGNITA’ DA DIFENDERE.

  3. Irzia, mi dispiace ma io sono gay e quindi mi occupo solo di splendidi corpi maschili, quelli femminili li lascio ad altri blog…ma qualcuno non aveva insinuato che Neal fosse gay?

    Senza offesa, by SorellaJc.

  4. cioè, caspita quante persone hanno giocato con te a ‘indovina di chi sono’…
    complimenti perché sai davvero cinvolgere i tuoi lettori!
    brava sorella JC!

  5. sorella JC, quella bocchinara di anne censura i commenti scomodi sul suo blog, intervieni tu, paladina della libertà di parola, please!

  6. ma che fine hai fatto sorella?
    oddio mica avrai trovato un bel boy e stai recuperando tutto quello che non hai fatto finora?

    che stai facendo, ti sei chiusa in casa a fare sesso, sesso e ancora sesso intervallato solo da dei momenti per cibarsi al fine di recuperare le forze e poi ricominciare a fare del gran sesso?

    buon divertimento, ti aspettiamo e speriamo non siano 9 settimane e 1/2 altrimenti ci si rivede a natale!

    1. Hahhaha, mi spiace! Sono articoli molto vecchi, dove vedevo il mondo come o bianco o nero, manco mi piaceva l’uomo peloso. Cantava qualcuno “come si cambia per non morire!”.
      Ecco, dovrei un pelo rivederli…ma al momento è carino che rimangano così, come un pezzo di diario.

      Poi boh, tecnicamente nella vita si può evitare tutto, specie i casi umani!

      Ovvio che se ce li hai te li tieni.

      XoXo
      SorellaJc

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi attributi e tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.